Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Cassano prova a ricucire lo strappo con Garrone

By   /   1 novembre 2010  /   5 Comments

Quanto costa un perdono? Un milione di euro… forse anche di più. Per porre fine alla vicenda che rischia di chiudere il matrimonio con la Sampdoria, Antonio Cassano sembra disposto a frugarsi nelle tasche e rinunciare a oltre un terzo del proprio ingaggio (1 milione di euro). Un segnale forte, nelle intenzioni del calciatore, per mostrare che non ha nessuna voglia di partire e che la lite è stata solo uno spiacevole errore, il ripresentarsi di un antico vizio mai del tutto scomparso.

Dopo lo scontro con il presidente Garrone e la conseguente decisione della società blucerchiata di chiedere la rescissione immediata del contratto il talento barese cerca di recuperare un rapporto che però sembra compromesso. Nei giorni scorsi tutti le principali fonti giornalistiche si sono soffermate sui particolari di quello che può essere definito come il grande litigio.

Parolacce, insulti e una porta sbattuta in faccia hanno fatto perdere, sembra in maniera definitiva, la pazienza a Garrone. Lui, il numero 1 della Doria, l’uomo che ha creduto nel recupero di un giocatore ormai diventato ingestibile, che lo ha preso dal Real Madrid quando nessuno sembrava più disposto a dargli un’ulteriore possibilità, che lo ha accolto, coccolato come un figlio ha deciso di dire basta. Immediatamente Cassano è stato messo fuori squadra ed è stata inviata agli organi preposti tutta la documentazione per mettere la parola fine a un rapporto che sembrava destinato a durare.

Deluso, abbandonato, non compreso; così si è sentito Fantantonio dopo lo strappo. Ha tentato di chiedere scusa, quasi a volersi rimangiare certe parole effettivamente troppo pesanti, ma nulla ha fatto cambiare idea a Garrone. Perché anche nelle migliori famiglie capita di litigare ma c’è sempre la possibilità di fare pace e ripartire. Stavolta però sembra che non sia così.

Dietro alla vicenda inizialmente si era pensato ci fossero movimenti di mercato. Cassano, da poco sposo e in attesa del primo figlio, ha confermato invece di non voler lasciare Genova. E per farlo è disposto a rinunciare anche a una parte di ingaggio. Se infatti nei giorni scorsi si era parlato dei possibili problemi relativi a un rinnovo, con diminuzione dell’ingaggio, adesso è lo stesso giocatore a dirsi pronto ad andare incontro alle necessità societarie.

Riuscirà il vil denaro a cancellare il fattaccio? Sicuramente i problemi con Garrone non sono di tipo economico. Il presidente si deve essere sentito tradito dal comportamento irrispettoso tenuto da un ragazzo verso il quale era sempre stato generoso di parole positive e comportamenti paterni. Per ora la Samp non ha mostrato nessun segnale verso il gesto di Cassano. Solo il tempo ci dirà se il matrimonio potrà continuare.

di Luca Paradiso

    Print       Email
  • Luca Paradiso

    Donadoni ha sempre stimato Cassano. Vedremo il 3 dicembre come andrà a finire la questione contratto. Certo Cellino sembra avere buoni progetti per il Cagliari. Tra poco dovrebbe partire la costruzione del nuovo stadio. E se vendesse Matri al Milan avrebbe soldi da investire su un’attaccante….

  • Luca

    Ho sentito dire che Cassano ultimamente va à cena col presidente del
    Cagliari Cellino accompagnato da nuovo allenatore Donadoni…il tutto in Sardegna (Pula, Ristorante “Sa cardiga e su schidoni”. Ci sono comferme?

  • Antonio

    Son convinto che alla fine la situazione si risolverà perchè altrimenti Cassano ha praticamente chiuso la carriera. Di sicuro la società ora sta facendo vedere che non scherza per nulla, non ne parla e fa rimanere la situazione al limite del tracollo, forse così cassano finalmente capirà gli sbagli, anche perchè quel ragazzo ormai ha 28 anni, non 19/20…

  • Luca Paradiso

    forse garrone si è stufato di questi comportamenti di cassano e, data la gravità delle offese e del fatto che le ha esternate di fronte a tutta la squadra ha preso questa decisione.
    certo si può perdonare, ma in una squadra ci sono delle regole e soprattutto ci deve essere rispetto, altrimenti divenat una baraonda

  • luigi

    vorrei sapere secondo garrone cosa deve fare una persona dopo essersi accorto di aver sbagliato! e chi è Dio! no non e dio perche dio avrebbe perdonato avrebbe teso la mano appena visto del reale pentimento.

You might also like...

rogers

Clenbuterolo: nessuna squalifica per Michael Rogers

Read More →