Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Atletica  >  Current Article

Venicemarathon “Trofeo Casinò di Venezia”

By   /   20 Ottobre 2010  /   Commenti disabilitati su Venicemarathon “Trofeo Casinò di Venezia”

La Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia compie 25 anni e domenica 24 ottobre celebrerà questo’importante anniversario con un’edizione speciale ed irripetibile nella storia della manifestazione. Per la prima volta ed unica volta il percorso di gara, che da Villa Pisani (a Stra) penetra nel cuore di Venezia per raggiungere Riva Sette Martiri, attraverserà anche Piazza Ferretto a Mestre e Piazza San Marco a Venezia. Un regalo che gli organizzatori hanno voluto donare agli oltre 7.000 iscritti che prenderanno parte a questa special edition.

I dettagli sono stati illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa di presentazione, ospitata ancora una volta delle eleganti sale del Casinò di Venezia, sponsor della manifestazione dalla prima edizione. “In 25 anni non abbiamo mai avuto così tanto iscritti – ha ricordato Enrico Jacomini Presidente del Venicemarathon Club – e soprattutto non era mai successo di dover chiudere le iscrizioni al mese di maggio per over quota. Oltre al numero di iscritti, quello che sorprende è il record di donne al via 1.200, e soprattutto la lunghissima lista d’attesa che si è creata, con oltre 3.500 persone che fino all’ultimo hanno sperato in un posto. Il nostro percorso – ha aggiunto Jacomini – ha sempre goduto di grande fascino, tanto da ricevere il riconoscimento IAAF Road Race Silver Label, ma sono sicuro che il passaggio in Piazza Ferretto e Piazza San Marco innalzerà ancora di più il livello di spettacolarità di questa gara”.

I ricordi delle più importanti edizioni hanno preso forma attraverso le immagini del filmato presentato questa mattina, e dalle parole di Salvatore Bettiol, primo vincitore della Venicemarathon nel 1986, al via domenica. Bettiol ha poi ricevuto il pettorale n° 1 dai padri fondatori della maratona: Piero Rosa Salva e Osvaldo Zucchetta.

Quindici anni dopo, Venezia domenica tornerà anche a ospitare il Campionato Italiano di Maratona e sarà subito sfida tra gli azzurri Danilo Goffi e Migidio Bourifa. Goffi, che proprio grazie al successo tricolore nel lontano 1995, venne lanciato a livello internazionale, cercherà uno storico bis, mentre Bourifa cercherà il terzo tricolore dopo Roma 2007 e Treviso 2009. Tra gli stranieri potrebbe essere un bel duello tra due debuttanti, l’etiope Tujuba Megersa Beyu (1h00 16”sulla mezza maratona) ed il keniano Peter Some Kimeli (vincitore della Roma-Ostia 2010) oltre al keniano Paul Kimeli Samoei (2° nella Venicemarathon 2009) e Chebon William Chebor fresco vincitore della Mezza Maratona di Udine a fine settembre in 1h00’49. Tra gli azzurri, oltre a Goffi e Bourifa, Giuliano Battocletti e l’italo-marocchino Said Boudalia.

Nella gara femminile sarà un duello tutto africano, con le keniane Anne Keptanui Bererwe ed Elisabeth Cheruiyot Chemweno, che sfideranno le etiopi Shuru Diriba Dulume e Makda Harun Haji. Occhio anche alla keniana Everline Kemunto Kimwey, al debutto sulla maratona ma che ha già corso 5 volte la mezza maratona sotto l’1h10’ con un personal best di 1h08’39”.

A contendersi il titolo italiano saranno le veterane Marcella Mancini e Laura Giordano, campionessa italiana in carica, e la debuttante Melissa Peretti. Nella gara di hand-bike non mancherà la presenza di Alex Zanardi. L’ex pilota di Formula Uno, vincitore della passata edizione della Venicemarathon e delle maratone di Roma e Milano nel 2010, va a caccia di un prestigioso bis per chiudere in bellezza la sua eccellente stagione.

Come ha ricordato l’Assessore allo Sport della Provincia Raffaele Speranzon: “La Venicemarathon ha raggiunto questi importanti obiettivi, anche perché negli anni ha saputo unire elementi diversi, con la creazione delle due Family Run per le famiglie e gli studenti, promuovere la disabilità attraverso lo sport con i progetti legati alle rampe che coprono i ponti di Venezia, facendo sempre molta attenzione anche alla solidarietà, con il progetto di raccolta fondi per costruire pozzi d’acqua in Uganda (Run For Water, Run For Life) e la raccolta fondi per fornire protesi ai bambini (Bimbingamba)”. Padrino d’eccezione come sempre Oscar Pistorius, testimonial proprio del progetto “Venezia Accessibile”.

Tra le curiosità, in gara ci sarà anche il Steefan Engels (48 anni) che dal 1° gennaio sta correndo una maratona al giorno e continuerà a farlo fino al 31 dicembre con l’obiettivo di correre 365 maratone in un anno. Per rispettare la tabella, a Venezia dovrà ricoprire i 42,195 metri sia venerdì che sabato, oltre ovviamente partecipare alla Venicemarathon.

Domenica si disputerà anche un’altra maratona, la Donaggio Marathon, una traversata di 34 km a nuoto pinnato che ricalcherà per gran parte il percorso della Venicemarathon e che avrà come protagonista Paolo Donnaggio. Con partenza alle ore 7.00 da Villa Pisani, l’arrivo di Paolo Donnaggio a Riva Sette Martiri è previsto per le 15.30 circa.

Un po’ di curiosità sugli iscritti: tra le 59 nazioni rappresentate, la più numerosa è ovviamente l’Italia con il 74,83%, seguita dalla Francia (5,44%) e dalla Gran Bretagna (4,25%). In Italia, la regione più rappresentata è ovviamente il Veneto (44,13%), seguito dalla Lombardia (14,76%) e dal Friuli (5,61%). Le province più numerose sono Venezia col 18,45%, Treviso (12,16%) e Padova (10,08%).

Tanti i personaggi in gara tra questi Fabrizio Vignali (pett. 7507), 45 anni, di Carrara, che si è avvicinato all’atletica all’età di 17 anni nella specialità del mezzofondo, dove ha corso assieme ad atleti del calibro di Alessandro Lambruschini e Stefano Mei. Terminata la carriera agonistica, nel 2006 gli è stata diagnosticata la sclerosi multipla. Per combattere la malattia decide di riprendere a correre e, incoraggiato dagli amici atleti, inizia a gareggiare nelle mezze maratone, dove arriva addirittura a correre in 1h31’, vincendo numerose gare nella sua categoria.

Nazionale paralimpico di Duathlon, in questa specialità ha vinto due Campionati Mondiali e un argento Europeo. Ha inoltre partecipato a molte gare diverse come Sky Races e ultramaratone. Nel 2010 è tornato inoltre al suo primo amore, gli 800 metri, correndo a Livorno in 2’34”99. Correrà alla Venicemarathon soprattutto con lo scopo di testare la resistenza ad alcuni tipi di farmaci (Interferone) contro la sclerosi multipla, e quindi di aiutare la ricerca nel settore.

Yukiko Komoto (pett. F1304), in arte Kiki, è una modella e attrice giapponese di 32 anni. Ha conosciuto Venezia nel 2004, quando fu ospite della 61° edizione della Mostra del Cinema come attrice protagonista del film “Vital” diretto da Shinya Tsukamoto e presente fuori concorso alla kermesse. Innamoratasi della città lagunare, ha deciso di tornarvi quest’anno unendovi un’altra delle sue passioni: la corsa. La 25a Venicemarathon rappresenterà per lei l’esordio nella maratona: aver scelto per il debutto la suggestione di Venezia e l’affascinante percorso dell’edizione dell’anniversario è senza dubbio una soddisfazione in più per la città e gli organizzatori. Icona della “bellezza sofisticata giapponese”, è il volto della rivista glamour “Jane”.

Roberto Giordano (pett. 1289), comico e runner genovese di 44 anni, è il protagonista del fortunato programma di Rete4 “Correndo per il mondo”, dove racconta delle sue esperienze di maratoneta nei posti più curiosi ed interessanti del pianeta. Giordano ha iniziato la sua carriera in radio, con programmi fortunati come “Da dove chiama?” (1997, insieme a Paolo Villaggio) e “Carta di Riso” (2000-2001), entrambi su RadioDue. Nel 2000 ha vinto il “Premio Walter Chiari – Il Sarchiapone” come comico emergente e nel 2003 e 2004 ha partecipato al “Laboratorio Zelig” di Genova, alternando il ruolo di comico a quello di conduttore. È inoltre apparso in alcune fiction tra cui “24 Ore” andato in onda sulle Reti Mediaset e “Il caso Ordero” vincitore di numerosi premi di cortometraggio. La grande passione per lo sport e in particolare per la corsa l’ha poi lanciato verso il mondo della televisione: la serie “Correndo per il mondo”, andata in onda nei mesi di Dicembre 2009 e Gennaio 2010 su Rete4, ha avuto un eccellente riscontro con una media di circa 850.000 spettatori a puntata. Grazie a questo successo, una nuova serie completa ripartirà nell’inverno 2010/2011. Roberto Giordano ha inoltre ricevuto dall’UNICEF il ruolo di “Testimonial per lo sport” proprio grazie alla sua passione e competenza.

Il passo degli atleti sarà scandito dai 27 gruppi musicali di “Anima la Maratona” (anche questo un record) e dai tanti tifosi, che si attrezzeranno con pentole e strumenti musicali artigianali per incitare i maratoneti, mentre il pubblico sarà intrattenuto a suon di Rock, Pop e Blues.

La gara sarà ancora una volta aperta da una carovana organizzata dall’Ancient Dragons M.C. di Venezia e composta da oltre 100 moto tra Harley Davidson ed altri modelli tutti customizzati (cioè preparati dai proprietari secondo il proprio gusto personale, aggiungendo elementi e personalizzando colori e disegni).

di Armida Tondo

    Print       Email

You might also like...

Il Nuovo Latina Lady vince contro lo Sporting Latina Women

Read More →