Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Pallavolo  >  Current Article

Il bilancio di un mondiale italiano

By   /   11 ottobre 2010  /   1 Comment

È terminata con l’oro del Brasile l’edizione 2010 dei campionati mondiali di pallavolo maschile. I verdeoro, partiti favoriti, hanno confermato il proprio valore scrivendo per la terza volta consecutiva il proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione. L’entusiasmo per un risultato di grande prestigio è ben evidente nelle parole di coach Bernardinho: “Siamo sempre stati una squadra vera. Con i fenomeni che non si sacrificano puoi prendere l’oro una volta, non aprire dei cicli”.

Unica nota stonata la sconfitta ‘cercata’ contro la Bulgaria nel girone di qualificazione. Un risultato che ha permesso ai brasiliani di scegliersi le avversarie più agevoli nel turno successivo. Un comportamento non proprio sportivo che ha fatto imbufalire i tifosi di Ancona, protagonisti di una civile ma sonora protesta.

Bilancio sportivo – La nazionale azzurra ha concluso il torneo al 4° posto. Entrare nelle prime quattro era l’obbiettivo della vigilia, un risultato che mancava da troppi anni ma che, per il modo in cui è maturato lascia spazio a qualche rammarico. Dopo un ottimo avvio con vittorie a ripetizione gli uomini di Anastasi si sono dovuti inchinare in semifinale al Brasile e nella finale di consolazione alla Serbia. Rimane l’amarezza per non aver centrato quel podio che anche Anastasi credeva alla portata. Se il Brasile ha mostrato di essere di un altro pianeta, la finalina con la Serbia poteva essere affrontata con maggior determinazione. “Vivono in me sentimenti contrastanti – ha dichiarato coach Anastasi – da una parte la gioia di aver portato l’Italia alla terza fase ed aver avuto la possibilità di giocare a Roma davanti a questo meraviglioso pubblico, dall’altra la delusione di non aver giocato al massimo in queste ultime due partite. Credo che questa sia la legge dello sport, da uomo che frequenta la pallavolo di alto livello da tantissimi anni non posso che accettarla. In assoluto credo sia stato un bel mondiale, con tante squadre di altissimo livello con una grande risposta da parte del pubblico in ogni città dove si è giocato.”

Bilancio organizzativo – Tocca al presidente della Federazione, Carlo Magri, fotografare l’aspetto organizzativo del torneo: “Sono orgoglioso di ciò che ha fatto il mio movimento per questa rassegna iridata. Sono molti anni che vivo nel mondo della pallavolo, ho assistito a numerosi mondiali e credo di non averne mai visto uno come questo. Dal punto di vista organizzativo si può sempre migliorare, ma in tutte le sedi le cose sono andate bene, grazie anche al supporto del comitato centrale. Se non ci fosse stata una buona organizzazione tutto questo non sarebbe stato possibile. Già da domani cominceremo a pensare al futuro, che per quel che ci riguarda si chiama Campionato del Mondo femminile che ospiteremo nel 2014”.

 

Di Luca Paradiso

    Print       Email

You might also like...

Giba

Giba dice addio alla pallavolo dopo 25 anni

Read More →