Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

La Fiumana è pronta a ripartire

By   /   4 agosto 2010  /   1 Comment

La guerra distrugge, ma non cancella. C’era una volta una squadra che l’invasione delle truppe di Tito ha cancellato. 14 marzo 1943, campionato di serie C: la Fiumana disputa la sua ultima partita, una vittoria per 4 a 1 contro il Vittorio Veneto. Poi nulla più. La guerra, il fronte, i rastrellamenti; preludio del passaggio di Fiume alla Jugoslavia. Oggi quella squadra potrebbe rinascere.

Sergio, Antonio e Luigi hanno tante cose in comune. Condividono un cognome molto conosciuto nel mondo del calcio: Vatta. Sergio ha speso una vita a coltivare talenti nelle giovanili del Torino, prima di entrare in federazione e diventare tecnico delle nazionali giovanili; un lavoro prezioso e silenzioso. Sergio è nato a Zara nel 1937. Era poco più che un bambino quando la Fiumana disputava i suoi ultimi campionati. Oggi vive a Torino, uno dei tanti esuli giunti nel capoluogo piemontese dopo la guerra. Nella città sabauda, insieme al fratello Antonio, presidente della Consulta Piemonte dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia (ANVGD) e al figlio Luigi, avvocato, coltiva un sogno: far rinascere la Fiumana.

Li abbiamo incontrati e ci hanno raccontato il loro progetto.

Come è nata l’idea di ricostituire la Fiumana?

(Sergio Vatta) L’idea nasce in ambito familiare, sulla scorta dei ricordi dell’infanzia e dell’adolescenza trascorsa prima nella nostra Zara, in Dalmazia, poi in giro per il Nord Italia, nei campi profughi: un’odissea durata 12 anni. Io e mio fratello Antonio abbiamo sempre giocato a calcio, per noi la Fiumana era il mito, la squadra più rappresentativa della nostre terra. Certo in Istria, in Dalmazia e anche nella stessa Fiume c’erano altri club di prestigio, ma la Fiumana era l’unica ad aver giocato in Serie A.

Oggi sono trascorsi tanti anni, ma le nostre radici sono profonde e vive come non mai. Abbiamo pertanto creduto in un sogno, quello di riportare in vita la grande Fiumana, facendola ripartire da dove si era prematuramente interrotta la sua avventura, da quel campionato di serie C da cui la guerra l’aveva strappata. A dire il vero, la guerra causò anche la ben più grave perdita per l’Italia di tutti i territori dell’Adriatico Orientale e scatenò tragedie immani come le Foibe e l’Esodo. Ma noi siamo ancora qui, non solo per ricordare, ma per far sì che anche i nostri figli e nipoti, possano ricordare chi siamo e da dove veniamo.

La Fiumana in questo senso è un simbolo, non solo della città di Fiume, ma di tutte le terre perdute, e ogni esule potrà riconoscervisi. Vorremmo dar vita a una grande polisportiva, perché la tradizione sportiva giuliano-dalmata ebbe grandi campioni in tantissime discipline, e vogliamo testimoniare questo grande passato dando modo ai nostri giovani di praticarle tutte. In questo modo otterremo il doppio risultato di mantenere una precisa identità etnica, invece di sparire come popolo col termine della nostra generazione, nonché di far conoscere a tutti gli Italiani la nostra storia, che è anche la loro. Perché noi siamo prima di tutto Italiani orgogliosi di esserlo, nonostante il tremendo prezzo pagato per poterlo affermare.

Avete chiesto alla Federazione il reintegro tra i professionisti. Già lo scorso anno l’ammissione è stata negata. Per quale motivo pensate che la vostra richiesta debba essere accettata?

(Luigi Vatta) La nostra istanza si fonda su argomentazioni di ordine morale e giuridico. Sotto il primo profilo, riteniamo che il progressivo riconoscimento dei diritti della nostra comunità, culminato con l’istituzione del Giorno del Ricordo nel 2004, possa e debba sfociare nel riottenimento della categoria in cui la Fiumana militava al momento del suo forzato scioglimento. Una sorta di risarcimento morale per le tragedie da noi patite. Il mondo dello sport, e in particolare quello del popolarissimo calcio, dovrebbe in tal senso dimostrarsi all’avanguardia rispetto alla politica, che conosce tempi molto più lunghi e vincoli più cogenti, e dimostrare di essere in grado di svolgere la funzione educativa che gli è propria. Noi riteniamo che la nostra richiesta dia modo al CONI e alla FIGC di espletare la fondamentale funzione di educare i cittadini, consentendo loro di conoscere una storia italiana rimasta troppo a lungo nascosta. Purtroppo pare che la burocrazia del governo dello sport sia più tenace di quella politica, e per questo ci siamo rivolti al Sottosegretario allo Sport On. Rocco Crimi, e nello scorso novembre abbiamo avuto un proficuo colloquio con lui a Palazzo Chigi, da cui speriamo arrivi l’impulso per sbloccare la situazione di stallo.

All’On. Crimi, ovviamente, abbiamo parlato anche del secondo profilo, quello giuridico, spiegandogli che la FIGC ha pur riconosciuto la fondatezza delle nostre pretese, accogliendo le conclusioni formulate dal compianto Giudice Laudi, incaricato di studiare il caso, ma si è trincerata dietro non meglio precisate “difficoltà organizzative” che impedirebbero l’inserimento della Fiumana in un campionato professionistico. Cosa che fa quanto meno sorridere, viste le recenti difficoltà di una serie impressionante di club impossibilitati ad iscriversi. Ma a noi questo non interessa: abbiamo detto chiaramente che non siamo una squadra da “ripescare”, che non vogliamo togliere il posto a nessuno che l’abbia meritato sul campo nell’ultima stagione, bensì intendiamo usufruire della possibilità di far ritenere “congelato” il titolo della Fiumana maturato nel 1943, dato che la normativa federale consente che l’attività interrotta per “casi di forza maggiore” riprenda anche a distanza di molti anni. Lo prevede l’art. 16 NOIF (norme organizzative interne federali). Se poi vogliamo discutere sulla natura di “casi di forza maggiore” che noi riconosciamo ai tragici avvenimenti del 1943-45… E comunque anche e soprattutto la legislazione dello Stato è dalla nostra, poiché le leggi n. 137/52 e la n. 763/81 prevedono che in ogni settore economico debbano essere ripristinate le condizioni antecedenti l’Esodo: noi eravamo una società professionistica, dunque rientrante nel mondo del lavoro, e anche se lo sport non è espressamente citato nelle due leggi, occorre tener conto del chiaro orientamento del nostro Legislatore.

In ogni caso, abbiamo atteso oltre 60 anni per rivedere in campo la Fiumana, e non ci spaventa certo qualche anno in più: abbiamo formulato la nostra istanza nel 2008, non saremo ai nastri di partenza per la stagione 2010/11, ma contiamo di esserlo nel 2011/12.

Nel 2011 è in programma il Triangolare del Ricordo che vedrà la partecipazione delle squadre di Pola, Fiume e Zara. Sarà la prima volta, dopo la fine della guerra, che le tre formazioni si affronteranno nuovamente. Come è nata questa iniziativa e che messaggio vuole trasmettere?

(Antonio Vatta) Il “Triangolare del Ricordo” è una splendida iniziativa messa in atto dalla Sede Nazionale dell’ANVGD, la più importante associazione di esuli di cui anche noi facciamo parte, io in particolare con l’incarico di presidente della Consulta Piemonte.

Credo che la nostra iniziativa di rifondare la Fiumana abbia aumentato a dismisura la “fame” di calcio e sport giuliano-dalmata e la risposta data col Triangolare del Ricordo mi pare ottima. Il messaggio è in linea con quello che vogliamo dare noi attraverso la rinascita della Fiumana: siamo vivi, siamo Italiani in mezzo agli Italiani, sparsi per tutta la penisola, ansiosi di farci conoscere e di rendere nota la nostra storia, che non è fatta solo dei tragici avvenimenti (ancora poco noti) che vanno sotto i nomi di Foibe ed Esodo. Siamo Romani, Veneziani, Italiani, siamo lavoratori che si sono fatti valere in tutte le professioni, e siamo anche calciatori come Loik, Volk e i fratelli Varglien, tennisti come Sirola e Cucelli, pugili come Benvenuti, velisti come Straulino e tanto altro ancora.

Il comitato organizzatore ci ha interpellati, e noi ovviamente aderiamo e parteciperemo all’iniziativa, sperando che l’11 giugno 2011 possa essere il prologo della stagione calcistica che rivedrà finalmente in campo la Fiumana, in Prima Divisione. In ogni caso sarà emozionante ritrovare i tanti fratelli sparsi per il mondo, che accorreranno a Roma per lo storico evento. E chissà, magari tra quei giovani discendenti di esuli che scenderanno in campo, ci sarà qualche talento che potrà vestire la maglia della rinata Fiumana.

di Luca Paradiso

    Print       Email
  • vatta anna maria

    mi fa piaccere che i miei fratelli é mio nipote hanno riuscito a fare rivenire “la fiumana” complimenti da parte di una sorella che hanno dimenticato ,forse perché vivo in francia? per piacere potete dare il mio imail ai miei fratelli,grazie vatta anna maria

You might also like...

Italia Svezia

Russia 2018: per l’Italia operazione remuntada

Read More →