Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Atletica  >  Current Article

Barcellona: Medaglia d’argento per Simona La Mantia

By   /   31 luglio 2010  /   1 Comment

Campionati Europei di Barcellona è un’altra sicula a regalare la medaglia d’argento all’Italia, Simona La Mantia. L’azzurra nella specialità del salto triplo si aggiudica il secondo gradino del podio con 14,56. Un brevissimo riepilogo della gara del triplo donne. Per la siciliana Simona La Mantia il sogno diventa realtà, dopo un lungo periodo di delusioni, oggi l’azzurra è riuscita a mettersi al collo la medaglia d’argento, la quinta per la squadra italiana, una gara disputata in maniera perfetta con il tempo di 14,56. Per l’atleta delle Fiamme Gialle, allenata da Michele Basile, campionessa europea Under 23 a Erfurt 2005 e straordinaria promessa del nostro movimento giovanile solo qualche anno fa, è un ritorno dirompente, fragoroso, che riporta sulla scena un’atleta che a 27 anni ha già vissuto almeno un paio di vite in atletica.

Sfiorata la medaglia di bronzo da Giuseppe Gibilisco nell’asta. Lo sconforto si legge chiaramente negli occhi di Giuseppe Gibilisco. La sua delusione quella del campione, dell’uomo che sa di poter contare sulla sua preparazione fisica, oggi per pochi centimetri non riesce a salire sul podio, un quarto posto che brucia. Nella finale del salto con l’asta, dopo un pomeriggio di straordinaria intensità, coronato da un salto a 5,75 e compromesso, nella lotta per le medaglie, da tre errori a 5,85, la gara diventa subito emozionante quando Giuseppe Gibilisco salta i 5,60 alla prima, e va in testa con il francese Mesnil e il polacco Czerwinski. Poi si passa alla misura di 5,65, e quando l’ucraino Mazuryk, che lo precede nel turno dei salti, lo raggiunge al primo tentativo, l’azzurro riprova e riesce a saltare sino a 5,70. Una mossa coraggiosa, che potrebbe aprire la porta verso il podio, o un tonfo nel vuoto. In tre superano i 5,70, e Gibilisco scivola indietro in classifica, fino al sesto posto. Gibilisco sfida se stesso e con un’azione elegantissima, il siracusano e questo punto, infatti, è terzo in classifica, dietro Czerwinski e Mazuryk, e davanti all’unico che non ha rivali in questa specialità Lavillenie. Passano, dopo il primo errore, Dossevi, Schulze e Michalski, e dopo due Mesnil.

Com’era prevedibile Lavillenie con un salto perfetto sopra l’asticella vola oltre 5,80. Mesnil è fuori, ma Gibilisco ci prova ad alzare la posta, rischiando molto, ma il suo coraggio è premiato, passa, infatti, i 5,80, anzi riservandosi i tre tentativi a 5,85. Mazuryk supera i 5,80 alla seconda. Dopo l’eliminazione di Schulze e Michalski, restano in 4: Lavillenie 5,80, Mazuryk 5,80, Czerwinski 5,75 e Gibilisco 5,75. Lavillenie, conferma di essere il migliore e senza difficoltà vola di là dei 5,85, mentre Czerwinski, avendo commesso due errori a 5,80, fallisce e chiude. E’ la volta del nostro atleta, che sbaglia tutti e tre i suoi tentativi e per questo si qualifica al quarto posto. Lavillenie è Campione d’Europa con 5,85, l’ucraino Mazuryk è secondo con 5,80, il polacco Czerwinski è terzo con 5,75.

Mentre Daniele Meucci, dopo il bronzo di ieri, oggi non riesce a andare oltre il sesto posto nei 5000, Stefano la Rosa si è piazzato al decimo posto, non è stato particolarmente brillante in questa gara, ma sono cose che possono capitare nello sport.

Ora l’attesa è per oggi, domenica 1 giugno, quando sarà il turno del ritorno in azzurro per Stefano Baldini  che ritrova la maglia della Nazionale dopo l’ultima esperienza ai Giochi Olimpici di Pechino nel 2008: “Di fatto non ho mai smesso – esordisce il Campione Europeo di Goteborg 2006 nell’odierna conferenza stampa a Casa Italia Atletica – nel 2009 ho fatto molte gare ed anche se sono due anni che non corro una maratona, alla luce di questi mesi di preparazione, sono ottimista. E’ vero, il tempo passa ed io non posso essere quello di dieci anni fa, ma nella testa ho sempre la voglia di correre e vincere”.

di Armida Tondo

foto di Giancarlo Colombo/FIDAL

    Print       Email
  • http://www.bing.com/ Kayli

    That’s ralley shrewd! Good to see the logic set out so well.

You might also like...

Libera_Gabriella Dorio-1

La staffetta per lo sport e la legalità

Read More →