Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Spagna Campione del Mondo!

By   /   12 Luglio 2010  /   1 Comment

Nella finale del mondiale 2010, disputato in Sudafrica, ha vinto dopo 120 minuti la Spagna che con un gol di Iniesta al 116’ ha battuto un’Olanda meno brillante del solito, ma sempre pericolosa.

Per gli iberici si tratta della prima vittoria in un campionato del mondo, una vera e propria consacrazione per la maggior parte dei ragazzi che solo due anni fa hanno vinto l’Europeo.

Il match comincia con la Spagna che produce gioco e l’Olanda che prova a contenere gli attacchi avversari. Il primo brivido arriva al quarto minuto, quando Sergio Ramos di testa impegna l’estremo difensore degli “arancioni”.

Dopo 8 minuti è ancora il terzino “madrileno” ad impegnare Stekelenburg, liberando il destro da posizione decentrata, il tiro è insidioso ed il portiere dell’Ajax deve deviare in corner. Il primo tempo continua con lunghi fraseggi a centrocampo e tantissimi falli violenti da parte di entrambe le squadre, 5 i cartellini gialli estratti dall’arbitro Webb in meno di un quarto d’ora.

Al 28’ accade ciò che non dovrebbe succedere in un campo di calcio, De Jong con un’entrata scomposta colpisce alla bocca dello stomaco Xavi Alonso, il fallo commesso chiaramente da cartellino rosso, ma il direttore di gara “grazia” il centrocampista olandese ammonendolo. Negli ultimi 5 minuti del primo tempo i ragazzi di Del Bosque ricominciano ad attaccare maggiormente a sinistra con Capdevila ed Iniesta, ma l’azione clou del finale parte dai piedi di Xabi Alonso, che dai 40 metri calcia un destro potentissimo che finisce di un soffio al lato. L’ultima fiammata è firmata da Arjen Robben, il fantasista del Bayern dal limite dell’area libera il destro e chiede gli straordinari ad Iker Casillas. Il primo parziale finisce 0-0.

Il secondo periodo ricomincia con la Spagna all’attacco, la prima occasione, la sigla Puyol saltando più in alto di tutti e colpendo di testa una palla insidiosissima partita dai piedi di Xavi dalla bandierina del corner, la palla uscirà di un soffio. Nei minuti successivi l’Olanda prova a rialzarsi e ci riesce, andando vicina al vantaggio per ben 5 volte, con Van Bronckhorst in due occasioni, con Robben e Sneijder, Casillas però fa i miracoli ed inchioda il risultato sullo 0-0. A 20 minuti dal termine il neo entrato Jesus Navas sfiora la rete, ma Stekelenburg ed Heitinga mettono in angolo.

Al 78’ Iniesta rischia di finire in anticipo sotto la doccia reagendo ad un fallo del capitano olandese, ma Webb lo grazia. Ultimo brivido a 7 minuti dal termine con Robben che lanciato da Van Persie si trova a tu per tu con Casillas, quest’ultimo rimane in piedi fino all’ultimo secondo ed intercetta con il piede la traiettoria del pallone calciato dal numero 11 “orange”.
I tempi regolamentari finiranno 0-0.

Riparte il cronometro ed il match si infuoca, nessuna delle due compagini vuole perdere e nessuna vuole giocarsi il mondiale alla “lotteria dei rigori”. La Spagna resta la squadra più pimpante, tanto che nei primi 5 minuti mette in campo tanta grinta e solo la sfortuna e Stekelenburg riescono a fermare Xavi & Compagni. Si svegliano gli olandesi e prima con Robben poi con l’ex blaugrana Van Bronckhorst mettono in seria difficoltà il portiere dei “blancos”. Il primo tempo supplementare finisce a reti bianche.

Il secondo tempo supplementare vede una costante crescita degli iberici, favoriti dall’espulsione per somma di ammonizioni di Heitinga al quarto del secondo supplementare. Iniesta diventa incontenibile e manda in subbuglio la difesa di Mathijsen & Compagni. A 5 minuti dal termine Wesley Sneijder ha la possibilità di mettere le mani sul trofeo, battendo una punizione dai 30 metri, il suo destro è terrificante, e la palla viene deviata sia dalla barriera sia da Casillas, l’arbitro britannico però non vede le deviazioni ed assegna rimessa dal fondo, il capovolgimento di fronte permette al Niño Torres di smarcarsi sulla sinistra, accentrare per Fabregas che serve Iniesta, libero all’interno dell’area, il quale calcia in rete e fa esplodere di gioia i tifosi spagnoli di tutto il mondo. I quattro minuti che restano passano in fretta e gli allori vanno sul capo della selezione spagnola, che per la prima volta nella sua storia vince un mondiale.

Dopo il triplice fischio, tante le lacrime di gioia da parte di Casillas, Puyol e Piquè, lacrime amarissime per Wesley Sneijder che tanto si è impegnato in questa manifestazione, tristezza anche per Robben ed il giovane Elia.

Di Marco De Palo

    Print       Email

1 Comment

  1. HDTV ha detto:

    Now a days fashion have become so much important in our lives.People should wear which will suite to them not the one which is in the fashion.

You might also like...

Juventus: un piede fuori dalla Champions League

Read More →