Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Motori  >  Current Article

Lorenzo continua a trionfare con la sua Yamaha, il ritorno di Rossi? Oggi test privato a Misano

By   /   7 Luglio 2010  /   Commenti disabilitati su Lorenzo continua a trionfare con la sua Yamaha, il ritorno di Rossi? Oggi test privato a Misano

I PROTAGONISTI- Lorenzo, Pedrosa, Stoner e Dovizioso. Sono loro i protagonisti indiscussi di questi ultimi gran premi anche se a dirla tutta a stare li davanti e a condurre una gara che quasi sempre si traduce in una ‘fuga’, una sorta di corsa contro il tempo, c’è Lorenzo e lui a cedere la corona del trionfatore proprio non ne vuole sapere. La mancanza di Valentino Rossi è sicuramente stato un fattore positivo per il pilota spagnolo che ha così ‘strada libera’. Ma ormai è un dato di fatto che la Yamaha sia attualmente la moto più competitiva e lo dimostra il fatto che sta sempre li davanti nei primi posti e riesce quasi sempre a uscirne vincitrice.

Certo non bisogna dimenticare che la Honda ha fatto enormi progressi, si trova sempre a battagliare per il podio, anche se per riuscire ad agguantare Jorge di strada ancora ce n’è tanta però rispetto all’anno scorso ci sono evidenti progressi. Questo si nota anche nei team satellite della Honda: Randy de Puniet in quest’ultimo Gran premio di Catalunya è arrivato quarto dopo una gara nella quale ha dimostrato di stare al passo con i team ufficiali.

La Ducati è sempre li tra le ‘grandi’ moto anche se un po’ si è perso lo Stoner di sempre, il podio c’è ma la vittoria fatica ad arrivare. Forse i cambiamenti che arriveranno per Casey con il passaggio alla Honda e il probabile arrivo di Rossi in Ducati stanno influendo sulla concentrazione del pilota. Ma comunque sia i risultati ci sono, forse non al massimo delle sue potenzialità ma ci sono.

Honda e Ducati sono quindi in un certo senso ‘alleate’ nella battaglia contro la Yamaha e Lorenzo che sembra però non lasciar margini di vittoria.

LA SUZUKI CHE NON C’è- La nota più dolente probabilmente tocca alla Suzuki. Anche se in quest’ultimo gran premio qualche miglioramento c’è stato con il 5° posto di Bautista e il 7° di Capirossi, miglioramento che la casa giapponese è riuscita ad ottenere non attraverso uno sviluppo ma bensì apportando modifiche che hanno riportato la moto all’assetto di un anno fa. Se la Suzuki per migliorare ha bisogna di ‘ tornare indietro’ è segno che la strada per la competitività è più che lontana. D’altronde in questi giorni Capirossi non ha nascosto il suo stato d’animo, quello di profonda delusione e stanchezza, segno che forse la permanenza in Suzuki si sta concludendo. E anche qui piovono voci di mercato, tra un possibile ritorno alla Ducati o l’entrata in uno dei team satellite della Honda.

ROSSI PROVA OGGI A MISANO- Anche se la Motogp ha fatto registrare ascolti record nell’ultimo week-end, non si può nascondere il fatto che in pista manca qualcuno. E il suo ritorno è uno dei più attesi: l’infortunio di Rossi che lo ha portato lontano dalle piste per settimane ha mandato in subbuglio milioni di fan che hanno dovuto rassegnarsi al fatto che per un bel po’ il ‘dottore’ non sarebbe apparso nei nostri schermi. Ad ogni modo le cose si stanno accelerando e oggi pomeriggio Rossi proverà, in un test privato a Misano, una Yamaha YZF-R1 fornita dalla Yamaha World Superbike Team.

Dunque Rossi non vede l’ora di tornare a vincere anche se la corsa per il titolo per lui può dirsi praticamente chiusa: attualmente si trova al 7° posto con 61 punti con un distacco da Jorge, 1° in classifica, di 104 punti. Ma questo sembra non fermare il pilota di Tavullia che si sta riprendendo in tempi record proprio per tornare con la sua M1 lì davanti.

Elisa Cassinelli

    Print       Email

You might also like...

GranPremio d’ITALIA – MONZA 8 SETTEMBRE 2019

Read More →